[News] Campo Rom dato alle fiamme. Sgomberata zona dei centri commerciali!

Rifiuti industriali dati alle fiamme in una zona già invasa dalle discariche. Succede a Giugliano, nella cosiddetta Area Vasta, dove siti come la Resit e Masseria del Pozzo hanno ormai distrutto fauna e flora locale. Oltre all’inquinamento di falde acquifere e terreni, sul posto si deve quindi fare i conti anche con l’avvelenamento dell’aria. Questa la denuncia dell’associazione “Eco della fascia costiera”, presieduta da Lucia de Cicco. L’ultimo enorme rogo si è sprigionato ieri pomeriggio intorno alle 18, quando i rom, presi dalla disperazione, hanno bruciato tonnellate di rifiuti sversati sul posto e mai raccolti.

IL CAMPO ROM – Il nuovo campo rom di Giugliano, spostato nell’Area Vasta dopo lo sgombero avvenuto in zona Santa Maria del Cubito (dove sorgono strutture come Auchan e Leroy Merlin), è costato 400mila euro. Soldi che non si capisce bene come e soprattutto dove siano stati spesi, visto che la struttura manca di qualsiasi elementare servizio igienico. A ciò si assomma l’inquinamento già presente in zona: un circolo vizioso che è destinato ad alimentarsi giorno dopo giorno, visto che, nonostante il patto firmato in Regione tra istituzioni locali e associazioni, i roghi non accennano a diminuire.

I ROGHI – Basta infatti percorrere l’asse mediano che da Scampia porta fino alla zona di Lago Patria: a qualsiasi ora del giorno e della notte si sentiranno odori mefitici provenire dalle colonne di fumo nero che sorgono dalle campagne, a pochi metri dalle coltivazioni. La pira di fumo nero è ormai una costante del paesaggio rurale campano, più di meleti e pescheti che, una volta, erano gli alimenti tipici del posto.

Leave a Reply